ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëvet të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka / Notizie da Lorenzo Zolfo
 

GINESTRA. MUSICA CLASSICA. DECIDE DI GIRARE LA BASILICATA PER FAR CONOSCERE DALLA SUA CHITARRA LA MUSICA SUDAMERICANA. LAS CUERDAS DE L’ALMA- LE CORDE DELL’ANIMA

Ginestra.

Un giovane musicista di Ginestra, Donato Rigillo, diplomatosi giovanissimo presso il Conservatorio “Gesualdo da Venosa” di Potenza, in chitarra classica, decide di realizzare un tour lucano, con la sua chitarra, senza chiedere compensi, ma attestati di riconoscimenti, per far conoscere ed apprezzare la musica classica e sudamericana. Dopo il conseguimento del Diploma in chitarra classica, numerosissimi sono stati i riconoscimenti alle sue prodigiose qualità tecniche ed artistiche, risultando finalista ai concorsi internazionali di Alessandria e Città delle Pieve. Sul suo talento e sulle sue doti virtuosistiche, che gli consentono di affrontare e di presentare al pubblico un repertorio vastissimo, unanimi sono stati e sono i consensi di pubblico e di critica. Perfezionatosi con Leo Brawer, si esibisce da solista ed in varie formazioni cameristiche. Attualmente è impegnato con la compagnia teatrale “Dalle Vigne”, in uno spettacolo che rivisita il patrimonio musicale di De Andrè, riletto in chiave flamenco e jazzista. Già docente all’I.M.M.B. di Lavello e presso le scuole di musica ACCAM di Rionero e “Luigi Tansillo” di Venosa, attualmente insegna chitarra presso la scuola di indirizzo musicale di Moliterno.

Questa volta il maestro Donato Rigillo ha superato se stesso. Scriveva Garcia Lorca circa il magico strumento a sei corde: “ e come la tarantola tesse una grande stella per sorprendere i sospiri”, così la chitarra del maestro ha catturato non solo i sospiri, ma tutte le emozioni ed i sentimenti del suo pubblico chiudendo la sua esibizione fra applausi e complimenti. Con questo recital, intitolato “LAS CUERDAS DE L’ALMA” il maestro si propone di promuovere la chitarra classica come strumento solistico, visto nel suo ambito più alto, ma soprattutto passionale fondendo l’apollineo col dionisiaco in uno spettacolare concerto che sta portando in tournèe attraverso la Lucania ed anche oltre. E’ così che il maestro Rigillo ha fatto sì che due cuori, quello classico e quello latino, bruciassero per la musica vera, quella del cuore, quella dell’anima. Il maestro, nei concerti in onore di festività religiose o di beneficenza, esordisce con una magistrale esecuzione di “Julia Florida” di A. M. Barrios che con le sue noti suadenti apre la strada all’esecuzione di brani come il “Choros n°1 di H. Villa-Lobos riportandoci sulle melodie dei musicisti ambulanti brasiliani, o di pezzi virtuosistici come “L’allegro-La Catedral” di Barrios, per chiudere poi l’iter nel sound sudamericano con il coinvolgente “tango en Skai” di R. Dyens. E se è vero che il pubblico, in questi concerti, apre il proprio cuore, il maestro Donato Rigillo ci mette tutta l’anima, o meglio “Las Cuerdas de L’Alma”.

Lorenzo Zolfo

priru / torna