ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëvet të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka / Notizie da Lorenzo Zolfo
 

GINESTRA. TATIANA MEN’SHYKOVA DAL 7 FEBBRAIO CITTADINA ITALIANA

Ginestra

Lo scorso 7 febbraio, una immigrata russa, Tatiana Men’shykova, da circa 6 anni a Ginestra, è diventata cittadina italiana. La cerimonia di giuramento è avvenuta nella casa comunale di piazza Albania, alla presenza di Donato Petagine, funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Anagrafe, delegato dal Sindaco, a conferire la cittadinanza italiana e la residenza a Ginestra, a questa cittadina russa, immigrata in Italia per motivi di lavoro.

Tatiana Men’shykova è una delle 13 persone immigrate, alcune provenienti dall’Albania e dalla Romania, presenti a Ginestra. Da quando è giunta a Ginestra con in tasca una laurea in Ingegneria Chimica, Men’shykova ha trovato ospitalità nella famiglia Marchianò e subito si è inserita nel tessuto urbano del paese, incontrando gente brava, cordiale e gentile.

Tatiana M. si trova a Ginestra anche con i due figli, Alessandro di 20 anni ed Elisa di 11 anni. Alessandro lavora nella vicina Venosa alle dipendenze di un supermercato, Elisa frequenta l’ultimo anno della scuola elementare.

Una certa emozione serpeggiava nella casa comunale, sia da parte del funzionario comunale Petagine, alla sua prima esperienza con la fascia del tricolore addosso, che nel volto della neo residente ginestrina, Men’shykova, specialmente quando ha letto la frase: “ giuro di essere fedele alla Repubblica Italiana, di osservare la Costituzione e le Leggi dello Stato”. Subito dopo, le è stata consegnata la bandiera italiana, inviata dal Ministero dell’Interno.

A fine cerimonia di giuramento, avvicinata la, ormai, cittadina italiana Tatiana Men’skykova, visibilmente emozionata ed in un italiano abbastanza chiaro, ha detto: “ da quando sono giunta a Ginestra, mi sono trovata bene, fino al punto di far arrivare i miei due figli, Alessandro ed Elisa, quest’ultima, giunta con me sei anni fa. La nostalgia verso la mia patria c’è ancora, in quanto ho ancora mia madre, che non l’ho dimenticata. Durante l’anno ritorno in Russia, da mia madre, rimasta sola. Adesso con questa cittadinanza italiana, mi sento, a tutti gli effetti, una italiana ed in particolare una di Ginestra, con tutti i diritti e dovere”.

Alla domanda perché sei giunta in Italia. Ha risposto: “ per lavoro. In questi ultimi anni il mio Paese è stato colpito da una grave crisi economica. Io con una laurea in Ingegneria Chimica, lavoravo presso un Istituto, dove si analizzava il pesce. La crisi, non tanto del pesce, ma dell’Azienda in cui lavoravo, era diventata così forte, che per sei mesi, non percepivo alcuna retribuzione. Anzi, l’Istituto Chimico mi pagava a fine mese col pesce. Non potevo certo vivere e sfamare la famiglia solo di pesce, per cui decisi di raggiungere l’Italia e, soprattutto, Ginestra dove ho conosciuto persone accoglienti e cordiali e trovato quella felicità, persa, nel mio paese”.

A fine cerimonia, Tatiana Men’shkyova, ha offerto dei pasticcini ad amici stretti ed a tutto il personale del Comune.

Lorenzo Zolfo

priru / torna