ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka / Notizie da Lorenzo Zolfo
 

GINESTRA. 23-12-07. NEL TRIGESIMO DELLA SUA MORTE, RICORDATA FRANCESCA IMMACOLATA CON UNA SANTA MESSA. TUTTO IL PAESE SI E’ STRETTO ATTORNO ALLA FAMIGLIA

Ginestra.

Nella giornata di domenica scorsa, 23 dicembre, ad un mese esatto, dalla morte improvvisa, avvenuta all’ospedale di Venosa, della piccola Francesca Immacolata, ricoverata per una bronchite, č stata celebrata una Santa Messa dal parroco don Gilberto in ricordo della bambina, di appena 2 anni, di Ginestra. Presente il capitano dei Carabinieri della compagnia di Venosa, Enrico Galloro e tanta gente.

Visibilmente stravolti i genitori e i familiari della bambina deceduta.

A fine messa sono stati avvicinati, Francesco e Rossella, i genitori di Francesca Immacolata.

Il papą Francesco ha detto: “non riesco ancora a rendermi conto della morte della mia bambina, ricoverata per una semplice bronchite. Non ho mai trascorso un Natale cosģ tragico e triste, siamo vittime di depressione e ansia, fortunatamente sono circondato dall’affetto dei due paesi, Ginestra e Forenza, a me cari.

Visto che ho un altro bambino, Giuseppe di ancora 6 mesi, dal punto di vista sanitario, temo per l’incolumitą di tutta la mia famiglia. Qualunque sia stato il problema che ha fatto morire mia figlia, se l’ospedale di Venosa fosse dotato di rianimazione, sicuramente ci sarebbe stato un tentativo per salvare mia figlia o un intervento in tempo utile. Mi sorprende come la popolazione di Venosa, attraverso il comitato pro-ospedale, sia a favore di un ospedale non sufficientemente attrezzato, considerato che questo centro ospedaliero offre un servizio pubblico e, pertanto, la stessa popolazione di Venosa potrebbe subire la stessa sorte capitata a mia figlia.

Confido nella Magistratura e nelle Istituzioni, in quanto č impensabile che un ricovero per bronchite, si trasformi in morte. Posso affermare con certezza che all’atto del ricovero e durante i due giorni di degenza della mia bambina, Francesca Immacolata non č stata sottoposta a nessun tipo di accertamento, utile a risalire alla gravitą della malattia. Resto in attesa del risultato dell’esame autoptico che, a breve, dovrą essere consegnata alla Magistratura, per conoscere le cause che hanno determinato la morte della mia bambina. Sono convinto che su mia figlia c’č stata superficialitą, negligenza e imperizia, una volta individuati i responsabili, spero siano condannati alla giusta pena previsto dal codice penale”.

La mamma di Francesca Immacolata, Rossella, ha aggiunto: “avrei voluto che mia figlia trascorresse il Santo Natale con noi. Qui da noi si muore prima rispetto ad altre Regioni con ospedali con efficienti. La mia vita č distrutta, viviamo in uno stato di depressione e ansia, regolarmente certificato. In futuro la vita della mia famiglia non potrą ritornare alla regolaritą. La nostra giovane esistenza č stata distrutta, la perdita di una figlia di 2 anni č grave e solo con la giustizia, che chiedo ad alta voce, si potrą alleviare il nostro dolore, coscienti, del fatto, che la nostra Francesca Immacolata non ritornerą pił”.

la foto ritrae la famiglia Casucci di Ginestra col piccolo Giuseppe.

Lorenzo Zolfo

priru / torna