ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka / Notizie da Lorenzo Zolfo
 

GINESTRA. MAGGIO 2008. ORIGINALE INIZIATIVA DEI CINQUANTENNI DEL 2008 E DEL 2007. RACCOLGONO SOLDI, GIUNTI ANCHE DALL’AMERICA, PER  RESTAURARE L’AFFRESCO DELLA MADONNA DELL’ASSUNTA NELLA CHIESA MADRE

Ginestra.

Originale iniziativa dei cinquantenni del piccolo centro arbereshe. Come un passa parola, decidono di partecipare direttamente al restauro di un affresco nella chiesa madre di San Nicola Vescovo. Hanno pensato di fare questo per lasciare una impronta tangibile nel paese, a differenza delle ricorrenze che di solito si prediligono festeggiare nei ristoranti. Il restauro interesserą l’affresco della Madonna dell’Assunta del 1900, situato nella volta della Chiesa Madre di San Nicola Vescovo. L’idea di promuovere questo restauro č partita da alcuni cinquantenni residenti a Ginestra del 1957 e 1958, per la veritą rimasti solo in dieci, mentre gli altri cinquantanove sono tutti emigrati, alcuni residenti all’estero, in Germania ed in America. L’iniziativa ha avuto la totale adesione da parte di tutti ( fatta eccezione per due che hanno, tra lo sbigottimento generale, rinnegato le proprie origini) e nel paese sono giunte offerte, alcune superiori a quanto richiesto, gią disponibili per il restauro che inizierą alla fine di maggio, mese dedicato alla Madre di Dio. Tra i sostenitori di questa iniziativa ci sono anche alcuni residenti all’Estero come Lucia Musto del ’58, emigrata tanti anni fa in America a Yaterburg (New York), Maria Rosaria Sepe, residente in Germania e Lucia Caputo, sorella di un cinquantenne, che pur non essendo nata nel ’57 e ’58 ha voluto contribuire a questa giusta e generosa causa. Mentre altri sostenitori, pur non essendo mai venuti a Ginestra o avendo vissuto pochissimi anni, non hanno voluto far mancare la propria adesione. Anche un’altra emigrante Lucia Conte, 65enne, residente in Lombardia, impegnata nel volontariato e nel sociale, venuta a conoscenza di questa raccolta fondi per il restauro, ha voluto partecipare, insieme ad altri, a questo restauro.

Una curiositą: dei nati del 1958, otto non ci sono pił, uno č nato morto, altri dopo alcuni mesi di vita, altri per malattie. Un altro, G.Pepe, č venuto meno lo scorso mese di aprile e si č pensato di dedicare questo restauro alla sua memoria. Dei nati del 1957, due sono morti pochi mesi dopo la nascita.

Alcuni di questi emigranti, nel prossimo mese di agosto, ritorneranno nel paese ed avranno modo di vedere il restauro della Madonna dell’Assunta.

Avvicinata Maria Ciriello, impiegata presso il Comune di Ginestra, una delle promotrici di questa originale iniziativa dei cinquantenni, ha riferito: “l’idea di festeggiare il compimento dei cosiddetti 50 anni, nel mezzo cammin di nostra vita, č partita alcuni anni fa, dai nati del ‘56, ma questa festa si riduceva ad un pranzo o alla donazione di un albero, che poi moriva per mancanza di cura. Invece, noi vogliamo migliorare un’opera, quella del restauro di un affresco della chiesa, deteriorata col tempo, che resti nei ricordi di tutto il paese e di tutti noi contribuenti. Siamo convinti che la chiesa di San Nicola Vescovo, ristrutturata da poco, col suo maestoso Mosaico Bizantino del Cristo Pantocratore, con le sue Icone, con le sue belle pietre antiche messe una sopra l’altra dai nostri avi, con il restauro della Madonna dell’Assunta diventerą uno scrigno di arte sacra”.

Lorenzo Zolfo

Le foto riprendono l’affresco della Madonna dell’Assunta deteriorata con tempo e l’esterno della chiesa di San Nicola Vescovo.

priru / torna