Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
ARBITALIA letra
Ricevo e pubblico integralmente la seguente lettera del prof. Giovanni Belluscio. Sottolineo che Arbitalia č un portale libero e indipendente, che pubblica informazioni del Mondo Albanese al di lą delle varie concezioni culturali, politiche, linguistiche e personali, purchč civilmente corrette, non offensive e volgari.
 
 
Caro Direttore,
 
leggo sul tuo portale che ci sarą il prossimo 10 giugno un importantissimo convegno a San Paolo Albanese sulla didattica dell'arbėrishtja (o forse anche "dell'arbėresh", cioč sottinteso uomo o bambino (!?)) e credo che gli eminenti studiosi siano chiamati contestualmente a presentare anche la nuova "Grammatica arbėreshe (!)" del papas Emanuele Giordano (visto lo spot che accompagna il messaggio).
 
Spero che dal Convegno di San Paolo, gli arbėreshė, possano avere una parola chiara e definitiva almeno sull'uso della 'maledetta y" nell'arbėrisht e tra gli arbėreshė, perché anche nel caso di questo piccolo grafema ci sono stati e ci sono scontri titanici. Come sempre, e per ogni piccola cosa del nostro piccolo mondo arbėresh.
 
Considerato che lģ si scontreranno appunto due visioni che fino al 2001 erano unitarie, almeno in Alfabetizzazione arbėreshe, nel negare l'uso di triforcuta vocale Y, e che ora appunto tornano ad essere spaccate al loro interno poiché il buon zoti Emanuele sembra essere ritornato sui suoi passi, cioč su quegli stessi stessi passi che aveva mosso nel suo famosissimo Fjalor del 1963, abiurando finalmente oggi la precedente assurda scelta operata (in quanto co-autore) in Alfabetizzazione.
 
Mi auguro e spero che la "Y", benché tale, non continui a restare un'incognita, e che almeno questo ennesimo convegno sia utile per fugare in tutti noi il dubbio che ora e sempre si č insinuato nella nostra mente di arbėrishtfolės: "Y o non Y? č ancora un problema?".
 
Attendiamo anche questa volta un cenno.
 
Grazie per l'ospitalitą e cordiali saluti
 
Giovanni Belluscio

priru / torna