ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
ARBITALIA letra
 
Pubblichiamo questo intervento dell'amico Tommaso Ferrari.

Riteniamo la sua iniziativa degna di lode, interessante ed utile per sapere veramente quanti arbėreshė ci sono in Italia.

 
 

MA QUANTI SIAMO VERAMENTE?

Giorni fa, dovendo effettuare una ricerca per una Relazione Tecnica, avevo necessitą di conoscere con esattezza il numero di Arbėreshė che vivono in Italia.

Con  sommo rammarico ho potuto constatare che il dato ufficioso č fermo dagli anni settanta perché da quel periodo nessuna Istituzione si č mai interessata scientificamente a rilevare statisticamente ed ufficialmente il dato.

Mi ricordo di aver sollevato il problema gią nel lontano 1980 quando, allora sindaco di Frascineto ed attento alle problematiche delle Minoranze Linguistiche, ho fatto espressa richiesta al Ministero degli Interni affinché nel Censimento della Popolazione Italiana fosse inserito una sezione in cui il cittadino censito dichiarasse, oltre i vari dati personali e professionali, anche la conoscenza della Lingua.

Mi č stato risposto che l’Ufficio Nazionale di Statistica predispone la modulistica del censimento almeno tre anni prima dalla effettiva raccolta dei dati che, per come tutti conoscono, viene effettuata ogni 10 anni.

Eravamo nel 1980 per cui era necessario aspettare altri 12 anni e sollevare, comunque la problematica non prima del 1988!

A fine legislatura (1985) per scelta ho rifiutato di ripresentarmi come amministratore e da allora non ho mai pił sollevato la problematica.

Intanto sono passati parecchi anni, ma sia il censimento del 1991 che quello del 2001 non ha ottemperato alla carenza COSTITUZIONALE sollevata.

In questi anni molte cose sono cambiate:

  • E’ stata approvata nel 1999 la legge nazionale di tutela delle Minoranze Linguistiche;
  • La maggior parte delle istituzioni locali territoriali sono attrezzati con sportelli linguistici;
  • Le Universitą hanno dipartimenti e settori dediti allo studio ed alla ricerca sulle tematiche delle Minoranze;
  • La maggior parte degli Enti Territoriali Superiori (Comunitą Montane – Ente Parco – Provincia – Regione) sono dotati di Assessori alle Minoranze Etniche;
  • Una miriade di Comuni o associazioni pił o meno riconosciute organizzano Festival, Convegni, Fiere, Mostre, ecc. sulle tematiche delle Minoranze;

ma tutti quanti  SANNO VERAMENTE QUANTI ARBERESHE VIVONO IN ITALIA?.

Penso proprio di no, anche perché quasi tutte le Agenzie di Comunicazione accreditate nella rete (Arbitalia.it – Wikipedia - vatrarberesh - guzzardi.it  - Universitą di Udine uniud.it - Centro Internazionale sul Plurilinguismo, ecc.), indicano in  circa 100.000 (centomila) il numero degli Arbereshe presenti in Italia, mentre discordano anche sul numero delle comunitą Italo Albanesi presenti nel territorio Nazionale.

Una cosa č comunque chiara : tutte le su citate Agenzie ignorano il dato relativo al numero di ARBERESHE    che non vivono pił nelle comunitą albanesi di origine ma che a tutti gli effetti sono arbėreshė per formazione.

E allora quale degli esimi studiosi sanno veramente quanti arbėreshė vivono a Roma, Milano, Torino, Cosenza,  Castrovillari,  Corigliano, ecc.ecc.ecc..?

L’unico modo per saperlo UFFICIALMENTE E REALMENTE č quello di far inserire nel formulario generale del prossimo CENSIMENTO DEL 2011 la sezione relativa alla lingua di Origine.

Egregi Amministratori Comunali, Provinciali, Regionali ed Egregi Deputati e Senatori, rimbocchiamoci le maniche e diamoci da fare!

Mancano ben 4 (quattro) anni dal prossimo censimento e quindi siamo in tempo a chiedere quello che secondo me ci doveva essere gią dato!

La  richiesta non vi costa niente dal punto di vista economico e penso che sia una buon  servizio per la causa della Minoranza Arbėreshe che rispetto alle altre Minoranze Etiche di Confine č stata sempre bistrattata.

Ve ne saranno grati, oltre gli Arbėreshė delle nostre comunitą,  le centinaia di Arbėreshė che per motivi vari hanno abbandonato le Comunitą di origine .

SAPPIATE CHE SONO A DISPOSIZIONE DELLE PERSONE DI BUONA VOLONTA’.

Tommaso Ferrari

tummasi@tiscali.it

priru / torna