Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  

 

IL MUSEO DI ANTRODOCO (in provincia di Rieti) INTITOLATO AL PITTORE ALBANESE LIN DELIJA

 

LIN DELIJA E L'ARTE SACRA

Nel '900 il prodotto dell'arte, con il mercato che ha sostituito la committenza, ha assunto un intrinseco valore oltre i significati, un valore determinato dall'originalitą e sostanziato dalla
individualitą perfino corporale dell'artista.
Le acrobazia di linguaggio hanno sostituito, nel secolo delle avanguardie, un sedimento di contenuti che la committenza ha sempre qualificato come sociali: l'arte si č sostanziata di se, oltre l'estetica e la morale. Ma l'arte non si lascia comprimere nelle questioni formali o nelle professioni di pessimismo o nelle rivelazioni dell'assenza: l'arte č partecipazione, condivisione, percezione che si fa rivelazione intelleggibile.
Delija ha impegnato l'intera esistenza nel dare corpo, attraverso la sua consapevole ricerca linguistica, ai valori umani del dolore e del coraggio, della sapienza e dello stupore. Perciņ la sua arte č sacra.

Nel suo complesso, oltre i temi.


I temi hanno connotato gran parte della produzione artistica di Delija. Fino all'approdo ultimo, la sua č stata una pittura di narrazione, in linea di perfetta continuitą con l'intera tradizione dell'arte sacra cristiana, dove il racconto degli eventi si č fatto testimonianza dell'intervento di Dio: le azioni divine configurate attraverso gli uomini come unica possibile rappresentazione del sovrannaturale, vista l'impossibilitą di definirne l'essenza.
Ma Delija racconta l'opera di Dio consapevole che la rivelazione si formalizza nella difformitą piuttosto che nella similitudine, affinchč non si sconfini nell'estetismo sterile o nell'idolatria.

Perciņ nel tempo elabora una figurazione che, se pure lascia intravedere ascendenze, utilizza un lessico iconografico senza precedenti, che trova riscontro di analoga dirompente iconoclastia forse soltanto nelle opere di Bruegel, del Greco e poi di Rouault.

priru / torna