Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

NICOLA BAVASSO PUBBLICA UNA INTERESSANTE GUIDA SU LUNGRO

UNGRA
Katund i Arbėrisė

 

LUNGRO, LA GUIDA TURISTICA  “PARLA” ANCHE  ALBANESE

 

di  Pasquale  Pisarro

 

(articolo pubblicato sul quotidiano “La Gazzetta del Sud” del 12.02.04)

 

Sabato scorso (7 febbraio2004) dalle 17,30 in poi, nel salone del palazzo ex Dopolavoro della millenaria Salina di Stato, chiusa nel 1976, si č tenuta la presentazione della Guida turistica (168 pagine) intitolata "Lungro, Centro dell’Arbėria, curata del giovane giornalista,  laureato in Lingue Nicola Bavasso, per le Edizioni Masino di Lungro. L'opera, scritta in albanese, con simultanea traduzione in Italiano, č nata con il contributo della Comunitą Montana Italo-Arbėreshe del Pollino  di Castrovillari dell'Assessorato al Turismo del Comune di Lungro e dell’associazione culturale “Rilindja” (Rinascita) pure di Lungro. Davanti ad un cospicuo pubblico in cui spiccavano circa 15 giornalisti tra quelli del luogo e gli altri venuti da Cassano Jonio, Castrovillari, Civita, Frascineto e San Demetrio Corone, ha introdotto e coordinato Cosimo Bruno consigliere nazionale dell'Ordine dei Giornalisti e presidente del Circolo della  stampa Pollino-Sibaritide. Egli - tra altro- ha elogiato il giovane collega per «l’apprezzabile lavoro fatto, caratterizzato a suo avviso  da scientificitą da tenere in considerazione". Sono seguiti, nell’arco di circa 3 ore, gli interventi del sindaco di Lungro Vincenzo Iannuzzi che ha firmato la presentazione dell'opera del Bavasso unitamente a Gianni Belluscio ricercatore del Dipartimento di Linguistica dell'UNICAL, dell’assessore alla Cultura della Comunitą Montana suddetta, Rosaldo Bellizzi di Eugenio Marigliano collaboratore, come il giornalista Alfredo Frega ed altri nella fatica dell’autore, nonché di Franco Altimari, Prorettore dell’Unical. Essi, sotto pił angolature, hanno rimarcato l’importanza, il carattere quasi didattico, la dovizia di notizie dell'opera, la quale č maneggevole, ricca di illustrazioni e foto, di facile consultazione ed utile per tutti indistintamente. Altimari, in particolare, allargando il discorso, ha detto che “questa ed altre iniziative devono servire (al di lą dei revanscismi etnicistici a sé stanti) a farci difende le nostre specificitą a largo raggio; occorre acquistare di pił la coscientizzazione e la stima dello nostre peculiaritą di alloglotti e lavorare in unitą e senso di prospettiva per i giovani". Circa il lavoro del Bavasso esso č diviso in varie sezioni dai cenni sui primi insediamenti albanesi del XV secolo a Lungro, dagli episodi del Risorgimento italiano, in cui furono veri protagonisti molti personaggi di Lungro e di altri centri arbėreshė, al rito bizantino-greco, alla letteratura popolare, alle personalitą del passato, alla Salina ed i salinari; ancora trovano posto le tipicitą culinarie, il folklore, i canti d'amore e tanti altri aspetti civili e religiosi de Lungro. Prima dei ringraziamenti e delle conclusioni di Bavasso, hanno preso la parola in molti, tra le persone autorevoli presenti per esprimere all'autore i complimenti per la valenza positiva del suo lavoro.

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI ED EVENTUALE ACQUISTO DEL TESTO RIVOLGETEVI A:

Tipografia Masino
c.so Skanderbeg, Ungėr / Lungo (CS)
tel. e fax 0981947976