Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
LA MONOGRAFIA STORICA SU S. DEMETRIO CORONE DI INNOCENZO MAZZIOTTI IMPORTANTE DOCUMENTO PER L’ARBËRIA
di Francesco Marchianò

 

 “La prima impressione che suscita la lettura dell’opera di Innocenzo Mazziotti è di apprezzamento per la puntuale indicazione delle fonti e la ricostruzione della storia di un popolo fondata su precisi riscontri dei documenti.

La storiografia sull’argomento, salvo qualche rara eccezione, si è qualificata per l’avarizia delle fonti documentali; la monografia di Mazziotti riempie il vuoto e conquista un ruolo di riferimento per quanti si applicheranno agli studi sulle immigrazioni albanesi e alla formazione delle prime comunità in Italia e tra queste, la più significativa per prestigio culturale, S. Demetrio Corone”.

Con questo incipit l’On. Senatore Cesare Marini, sindaco di S. Demetrio Corone, compendia intelligentemente il senso della monografia storica del paese citato che, finalmente, è oggetto di uno studio organico e rigoroso che non ricalca più gli schematismi che hanno caratterizzato la storiografia arbëreshe basata sugli spesso discussi  Rodotà-Masci-Tajani-Zangari.

Quindi ci troviamo davanti ad una riscrittura della storia delle emigrazioni degli Albanesi d’Italia la cui etnia, i suoi personaggi e gli episodi più notevoli vengono trattati nei giusti contesti storici e senza faziosità e senza enfasi, caratteri che marcano tutta l’opera del Mazziotti.

Come giustamente ha sottolineato l’On. Marini, infatti, è messa in forse l’esistenza di Demetrio Reres e figli e vengono ridimensionate, quindi, le storie di fondazione dei centri arbëreshë  del Catanzarese e della Sicilia.

Ma, messi da parte questi rilievi ed altri, qual è l’importanza dell’opera del Mazziotti?

Ci troviamo finalmente davanti ad un lavoro che spiega con un linguaggio non ostico gli aspetti giuridici, fiscali e sociali con cui si sono dovuti scontrare ed adattare i profughi albanesi nel Meridione d’Italia.

E cito a mò di esempio la consistenza dei fuochi e la relativa tassazione, la giurisdizione esercitata dai vescovi latini sui sacerdoti greci, i sistemi di tassazione, l’amministrazione della giustizia, il funzionamento delle fiere, la struttura del catasto onciario e le categorie sociali, ….

Insomma l’opera del Mazziotti non è solo una monografia storica su di un paese ma è anche un’importantissima guida metodologica per chi intende intraprendere una ricerca seria sulle comunità albanesi d’Italia.

Inoltre, l’opera del Mazziotti acquista ancora maggior pregio perché è corredata da una fittissima ed inedita bibliografia italiana e straniera (italiana, albanese, greca, francese, tedesca, inglese, spagnola, serba, …) che fanno la gioia degli appassionati di storia regionale ed europea.

Felice la scelta dell’Editrice “Il Coscile”, diretta da Mimmo Sancineto che si sta sempre più affermando come un editore molto sensibile alle problematiche minoritarie e  che si distingue per la cura e la grafica delle sue edizioni.

Il lavoro di Innocenzo Mazziotti, pubblicato dall’Amministrazione Comunale di S. Demetrio Corone, può essere considerato ed annoverato come uno dei pilastri della recente storiografia monografica arbëreshe.

 

Scheda del libro:

Innocenzo Mazziotti, Immigrazioni albanesi in Calabria nel XV secolo e la colonia di S. Demetrio Corone (1471-1815), Amministrazione Comunale di S. Demetrio Corone, Edizioni “Il Coscile”, Castrovillari (Cs), 2004.

 Francesco Marchianò

priru / torna