Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
FRANCESCO FUSCA
CITTADINANZA EUROPEA
VIAGGIO NELLA CIVILTA' DELLE SOCIO-CULTURE
-L'APPORTO DELLE SCUOLE-

E’ stato pubblicato nei giorni scorsi l’ultimo lavoro di Francesco Fusca, ispettore del Ministero dell’istruzione, università e ricerca originario di Spezzano Albanese, dal titolo “Cittadinanza Europea” (viaggio nella Civiltà delle Socio-Culture) – l’apporto delle Scuole.

Il libro, edito dall’Associazione culturale MeEduSA di Spezzano, si presenta come una prima riflessione scritta di un percorso più ampio di ricerca e di studio, che coniughi l’ideale e il reale di una prospettiva europea di Cittadinanze consapevoli e attive volte ad incarnare le culture e le civiltà.

L’idea espressa dall’autore tra pagine del testo -come lo stesso Fusca scrive nell’introduzione- è quella di «fotografare, entrando anche in alcuni dettagli tra sfondi e primi piani, un anno pieno di lavoro e di crescita della Cittadinanza Europea». L’autore si sofferma particolarmente sul ruolo della Scuola Italiana e sulle emozioni/sensazioni vissute dagli studenti, dai suoi operatori tradizionali e da quelli socio-culturali.

Nel lavoro di Fusca si leggono tracce e prospettive tangibili appartenenti all’Unione Europea già

esistente, che l’autore definisce come una «Realtà che sempre meglio si va configurando quale opera d’arte a più voci».

Il testo di Fusca presenta in sintesi anche alcune delle tappe stabilite e realizzate dalla Scuola italiana nell’Unione Europea: si tratta di importanti seminari/convegni di studio svoltisi in vari luoghi d’Italia, come ad esempio Taormina (2004), Perugia (2005), Rende (2005), ecc.

Secondo Fusca, in conclusione, «il viaggio verso l’effettiva concretizzazione dell’unione delle genti, processo in atto attorno ad una realtà già vivente quale l’Unione Europea, deve incentrarsi su valori quali il senso di appartenenza, l’identità plurima ed unitaria, la coscienza colta e civile, l’intercultura democratica e pluralistica».

Priru /Torna