Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
ARBITALIA presenta
 

 

IL VESCOVO

dell’Eparchia di Lungro

 

Al Rev.mo Clero, Religiosi, Religiose e Fedeli laici

Carissimi,

                al Convegno ecclesiale di Verona la nostra Eparchia era rappresentata, come tutte le altre diocesi italiane, dal Vescovo, da un sacerdote, Papàs Francesco Mele; da una suora, Suor Miriam Rio e da tre laici, la Prof.ssa Angela Castellano Marchianò, l’Avv. Giovanni Giuseppe Capparelli e l’attuale Presidente dell’Azione Cattolica diocesana, Ins.Luigi Viteritti. Il contributo recato dalla nostra Eparchia è sintetizzato dall’intervista di Giovanni Giuseppe Capparelli, pubblicata, tra le altre, sull’Avvenire del 19 ottobre, dal titolo: No a una Chiesa “privatizzata”, vogliamo giudicare la società. “Il nostro contributo è quello della nostra spiritualità che è legata ad una tradizione orientale. Per la Chiesa del dopo-Verona ci piacerebbe che questa sensibilità nei confronti della spiritualità coinvolgesse davvero tutti i credenti. In realtà noi siamo anche una minoranza etnica con tutta la ricchezza che essa rappresenta. Il nostro rito, cattolico-bizantino, ci aiuta a guardare la realtà con gli occhi dello Spirito ed è questo che ci piacerebbe trasmettere a tutti. Nella nostra società alcuni vorrebbero una Chiesa privata, che non interviene nelle questioni che riguardano la società, io penso invece che gli uomini oggi abbiano bisogno di guide chiare, pubbliche e visibili.”

                 Il senso del quarto Convegno ecclesiale nazionale lo si ritrova nelle parole di Sua Santità Benedetto XVI, che indicano l’impegno della Chiesa per rievangelizzare partendo dall’antropologia cristiana. “L’Italia – ha detto il Papa – costituisce un terreno assai favorevole per la testimonianza cristiana. La Chiesa, infatti, qui conserva una presenza capillare in mezzo alla gente di ogni età e condizione. Le tradizioni cristiane sono spesso ancora radicate e continuano a produrre frutti, mentre è in atto un grande sforzo di evangelizzazione e catechesi, rivolto in particolare alle nuove generazioni, ma ormai sempre più anche alle famiglie…Non ignoriamo i valori veri della civiltà del nostro tempo, ma nemmeno la pericolosa fragilità della natura umana…La Chiesa non è e non intende essere un agente politico. Nello stesso tempo ha un interesse profondo per il bene di tutti…E’ un servizio prezioso, utile e stimolante anche per altre nazioni quello che state rendendo su famiglia e vita…Il ritorno di illuminismo e laicismo in Occidente rappresenta un ostacolo al dialogo con le altre culture…Dobbiamo essere testimoni a tutto campo con il pensiero e con l’azione, nei comportamenti personali e in quelli pubblici…I cristiani possono portare al mondo la speranza perché sono di Cristo e di Dio nella  misura in cui muoiono con Lui al peccato e risorgono con Lui alla vita nuova dell’amore, del perdono, del servizio, della non-violenza…Solo se non sono del mondo, i cristiani possono essere speranza nel mondo e per il mondo…Dall’esempio di Maria impariamo a resistere a quella secolarizzazione    interna che insidia la Chiesa nel nostro tempo”.

GIORNATA PER IL SOSTENTAMENTO DEI SACERDOTI

 Domenica 26 novembre avrà luogo la Giornata di sensibilizzazione per il sostentamento dei sacerdoti. Le parrocchie hanno già ricevuto dalla Curia vescovile i manifesti ed i pieghevoli illustrativi con i bollettini di conto corrente postale per effettuare le offerte, che potranno essere dedotte nella dichiarazione dei redditi. Tali offerte non vanno comprese con l’otto per mille, che è destinato alle opere di carità e di culto e al sostentamento dei sacerdoti quando non arrivano offerte sufficienti.

INAUGURAZIONE DEL SEMINARIO MAGGIORE EPARCHIALE

Domenica 26 novembre, alle ore 16,30 siete invitati, anche dal Rettore Papàs Pietro Lanza, all’inaugurazione del Seminario eparchiale italo-greco-albanese, a Cosenza, in via Paparelle, 16, vicino alla Chiesa parrocchiale “SS.Salvatore”. Esso è la continuazione del Collegio “Corsini”, fondato a S.Benedetto Ullano da Sua Santità il Papa Clemente XII, di venerata memoria, il 17 ottobre 1732, le cui Regole sono state confermate dallo stesso Pontefice il 16 aprile 1736, esattamente 260 anni addietro. Il Collegio venne, in seguito, trasferito a S.Demetrio Corone e funzionò, come Seminario, fino al 1896, cioè 110 anni fa.     

RITIRO DI CLERO    

Giovedì 9 novembre, con inizio alle ore 9,30, nella Parrocchia “SS. Salvatore” di Lungro, P.Pino Stancari terrà la meditazione al clero riunito in fraterna comunione.

                          Invocando la Benedizione del Signore, invio a tutti un cordiale saluto.

Lungro, lì  28 ottobre 2006 

+ Ercole Lupinacci, Vescovo

 

priru / torna