Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Frascineto. Centinaia i visitatori, dai politici ai guru della cucina internazionale
Successo per la “I fiera dei Comuni Arbëreshe”
Inaugurata anche la mostra di artigianato orafo del maestro Gerardo Sacco 

Un bilancio più che positivo quello ottenuto dalla “I Fiera dei Comuni Arbëreshe”, durata per due giorni e conclusasi nella serata di ieri. Tanta la soddisfazione sia da parte degli organizzatori che da coloro i quali hanno partecipato esponendo prodotti della propria terra. Elementi di tipicità hanno contraddistinto ciascuno dei ventidue comuni italo-albanesi uniti, però, dalla stessa matrice storico-culturale arbëreshe. Un’esperienza di vita tra gente che si incontra e confronta crescendo insieme nella consapevolezza delle proprie origini, dei propri usi, costumi e tradizioni. Sguardi che si intrecciano, sorrisi che si scambiano, amicizie che si innestano tra l’assaggio di un buon vino e l’ascolto di dolci melodie. Questo, e non solo, è la “Fiera dei Comuni Arbëreshe”. Una ricca vetrina dai mille colori, con sapore d’antico, in cui l’olio e il vino, il pane e la salsiccia, i formaggi e, perfino, l’acqua si mostrano in tutta naturalezza all’occhio attento del visitatore. Ma c’è di più. Centinaia di metri quadrati di stands, accalcati da gente di tutto il circondario, per esporre significativi lavori editoriali, come libri, riviste, cd-rom, videocassette,  e per mostrare particolari elaborazioni artigianali. Grande spazio è stato concesso alla spiritualità greco-bizantina attraverso l’esposizione di icone, testi sacri e paramenti liturgici.

E non sono mancati gli ospiti di riguardo. Dai volti noti della politica locale e provinciale fino agli imprenditori, interessati a lanciare in un mercato di qualità i prodotti esposti. Anche i grandi della cucina internazionale si aggiravano alla scoperta, forse, di spunti enogastronomici da propinare alla sempre più esigente clientela.

<<Ritengo che – ha commentato al nostro giornale il sindaco di Frascineto, Domenico Braile -  il tutto sia andato abbastanza bene e ho notato tanto entusiasmo sia da parte degli espositori che dei numerosissimi visitatori. Anche le istituzioni presenti che ci hanno fatto visita si sono complimentati per l’iniziativa che Frascineto ha realizzato con grande stile e sobrietà. Spero – ha concluso il primo cittadino Braile - che tutti si siano divertiti, apprezzando e socializzando. Ringrazio gli amministratori arbëreshe per la loro presenza, collaborazione e soprattutto per l’entusiasmo dimostrato nella convinzione che questo evento venga, come promesso dal presidente provinciale, Mario Oliverio, al più presto istituzionalizzato>>.

La giornata di ieri è stata contraddistinta anche dall’apertura della mostra “Gli ori di Gerardo Sacco”. Pare proprio che la “saccomania” stia cominciando a diffondersi anche nel Pollino. Decine e decine le persone, soprattutto le donne, che hanno voluto ammirare i gioielli di colui che è conosciuto come “l’orafo delle dive”. In tante, da Liz Taylor a Brooke Shield, da Caroline di Monaco a Glenn Close, le più belle e celebri donne del mondo dello spettacolo, hanno indossato i suoi gioielli d’arte. <<Io sono molto grato a queste comunità arbëreshe – ha detto Gerardo Sacco - perché è proprio da queste che ho tratto ispirazione per i gioielli che mi hanno permesso il successo. Gioielli che sono stati da me rivalutati, interpretati ed inseriti in una linea di gioielli arbëreshe, ormai famosi in tutto il mondo>>.

Giuseppe Falduto

Giovanvincenzo Santagada

priru / torna